I vaccini in ambito lavorativo sanitario

Emanuela Vittoria, Maria Pia Cancellieri, Romina Allegrezza

Abstract


La vaccinazione è uno dei maggiori successi della sanità pubblica della nostra epoca e negli ultimi sessanta anni ha salvato la vita a più persone di qualsiasi altro intervento medico; l’uomo infatti non ha mai avuto a disposizione armi preventive più efficaci delle vaccinazioni.

Gli ambienti di vita e di lavoro, sono potenzialmente contaminati da microrganismi patogeni e il rischio di contrarre una malattia infettiva è insito nel fatto di vivere in comunità (rischio generico). All’interno di una struttura sanitaria, in determinate aree e nel corso di definite attività, a causa della concentrazione di soggetti infetti e materiali contaminati, tale rischio può essere maggiore (rischio lavorativo da esposizione ad agenti biologici: potenziale o deliberato).

Vaccination is one of the greatest public health successes of our time and in the last sixty years it has saved the lives of more people than any other medical intervention; in fact, man has never had more effective preventive weapons than vaccinations.

Living and working environments are potentially contaminated by pathogenic microorganisms and the risk of contracting an infectious disease is inherent in the fact of living in community (generic risk). Within a health facility, in certain areas and during defined activities, due to the concentration of infected subjects and contaminated materials, this risk may be greater (work risk from exposure to biological agents: potential or deliberate).


Full Text

PDF


DOI: http://dx.doi.org/10.14276/2531-4289.2023

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.



Diritto della sicurezza sul lavoro. Rivista dell'Osservatorio Olympus è una pubblicazione semestrale dell'Università degli Studi di Urbino - Dipartimento di Giurisprudenza. Lo sviluppo e la manutenzione di questa installazione di OJS sono forniti da UniURB Open Journals, gestito dal Servizio Sistema Bibliotecario di Ateneo. E-ISSN 2531-4289. Registrazione presso il Tribunale di Urbino n. 1/2016.

Licenza Creative CommonsSe non diversamente indicato, i contenuti di questa rivista sono pubblicati sotto licenza Creative Commons Attribuzione 4.0 Internazionale.