Alcol e sicurezza sul lavoro. En attendant Godot?

Paolo Pascucci

Abstract


Partendo dalla considerazione che, soprattutto con riferimento a certe attività lavorative, l’assunzione di alcol da parte dei lavoratori rappresenta un serio rischio sia per la loro sicurezza sia per quella di coloro che sono coinvolti dalla loro prestazione, il saggio analizza le norme dell’ordinamento italiano che si occupano di questa tematica evidenziandone le possibili interpretazioni soprattutto con riferimento alla possibilità di ricondurre la questione nell’ambito della sorveglianza sanitaria. Sottolineando l’esigenza di una rivisitazione della disciplina che confermi con forza la ricomprensione della prevenzione del rischio connesso all’alcol nell’ambito della sorveglianza sanitaria, l’autore esamina anche le recenti proposte di revisione della disciplina auspicando una loro definitive approvazione.

Assuming that, with reference to certain work activities, alcohol use among workers is a serious threat, both for their safety and for those involved in the workers' activities, the essay analyzes the Italian legislation related to this issue and its interpretations, in particular by highlighting its possible connections with health surveillance. The author claims the importance of a legislative reform aimed at bringing back the risk prevention into the field of health surveillance. To this end, the author also examines the recent legislative proposals for the revision of the discipline, wishing that they will be approved


Full Text

PDF


DOI: http://dx.doi.org/10.14276/2531-4289.1275

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.



Diritto della sicurezza sul lavoro. Rivista dell'Osservatorio Olympus è una pubblicazione semestrale dell'Università degli Studi di Urbino - Dipartimento di Giurisprudenza. Lo sviluppo e la manutenzione di questa installazione di OJS sono forniti da UniURB Open Journals, gestito dal Servizio Sistema Bibliotecario di Ateneo. E-ISSN 2531-4289. Registrazione presso il Tribunale di Urbino n. 1/2016.

Licenza Creative CommonsSe non diversamente indicato, i contenuti di questa rivista sono pubblicati sotto licenza Creative Commons Attribuzione 4.0 Internazionale.