Jobs Act e sicurezza del lavoro

Natalia Paci

Abstract


L’Autrice, nel ripercorrere le novità del Jobs Act, evidenzia che l'introduzione di ulteriore flessibilità, sia tipologica che gestionale, possa determinare un aumento del rischio per la salute e sicurezza dei lavoratori e si chiede se il legislatore abbia predisposto le idonee garanzie affinché l'annunciato scopo di aumentare l’occupazione non si realizzi a discapito, oltre che della qualità dell’occupazione, anche del bene primario della salute e sicurezza dei lavoratori.

In reviewing the new Jobs Act, the Author emphasizes that the introduction of additional flexibility, both typological and managerial, could lead to an increased risk to workers' health and safety. She also wonders whether the legislator has predisposed the appropriate guarantees to ensure that the announced goal to increase employment is not realized to the detriment of the quality of employment, as well as of the workers fundamental right to health and safety.


Full Text

PDF


DOI: http://dx.doi.org/10.14276/2531-4289.1272

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.



Diritto della sicurezza sul lavoro. Rivista dell'Osservatorio Olympus è una pubblicazione semestrale dell'Università degli Studi di Urbino - Dipartimento di Giurisprudenza. Lo sviluppo e la manutenzione di questa installazione di OJS sono forniti da UniURB Open Journals, gestito dal Servizio Sistema Bibliotecario di Ateneo. E-ISSN 2531-4289. Registrazione presso il Tribunale di Urbino n. 1/2016.

Licenza Creative CommonsSe non diversamente indicato, i contenuti di questa rivista sono pubblicati sotto licenza Creative Commons Attribuzione 4.0 Internazionale.