Sui limiti della minaccia punibile. Riflessioni a margine del caso Corona

Chiara Bigotti

Abstract


[On the limits on the punishable threat. Reflections on the Corona case] Threat as a constitutive element of the crime of extortion has been subject to a substantial expansion by law in action. It may even consist in the exercise of a right. The mode of expression used for this kind of pressure  is irrelevant. Inspired by the decision of the Supreme Court in the Corona case, the paper delivers a critical analysis of this expansive orientation and highlights, for this purpose, the constraints set by overarching guarantistic principles as well as those of political-criminal rationality (proportion and extrema ratio).


Full Text

PDF


DOI: http://dx.doi.org/10.14276/2384-8901%2F426

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.



Cultura giuridica e diritto vivente è espressione del Dipartimento di Giurisprudenza (DiGiur) dell'Università di Urbino. Lo sviluppo e la manutenzione di questa installazione di OJS sono forniti da UniURB Open Journals, gestito dal Servizio Sistema Bibliotecario di Ateneo. ISSN 2384-8901 (Online). Registrazione presso il Tribunale di Urbino n. 2 del 03/07/2014.

 Licenza Creative CommonsEccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati con Licenza Creative Commons Attribuzione 4.0 Internazionale.