Riflessioni sulla libertà della ricerca (a partire dalla tragedia di Giulio Regeni)

Orlando Roselli

Abstract


Thinking on the freedom of research (from the tragedy of Giulio Regeni)]. Freedom of research and the open society have same enemies: intolerance, violence and discrimination, denial of pluralism and the pretension of imposing a unique truth. But there are also sneakier enemies: intellectual laziness, no monitoring of private passions and prejudices or economic or political interests, self-referential university systems, no attentive recruitment of new researchers according to applied merit criteria in science and conscience, the dispersal of untapped potential even when economic and civil development would ask for it.


Full Text

PDF


DOI: http://dx.doi.org/10.14276/2384-8901%2F1262

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.



Cultura giuridica e diritto vivente è espressione del Dipartimento di Giurisprudenza (DiGiur) dell'Università di Urbino. Lo sviluppo e la manutenzione di questa installazione di OJS sono forniti da UniURB Open Journals, gestito dal Servizio Sistema Bibliotecario di Ateneo. ISSN 2384-8901 (Online). Registrazione presso il Tribunale di Urbino n. 2 del 03/07/2014.

 Licenza Creative CommonsEccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati con Licenza Creative Commons Attribuzione 4.0 Internazionale.