I derivati attraverso la lente dei conti finanziari: misurazione e analisi

Luigi Infante, Bianca Sorvillo

Abstract


Il lavoro analizza l’andamento del valore di mercato dei derivati delle banche italiane utilizzando i conti finanziari e proponendo un confronto internazionale. Per il periodo che va dal primo trimestre del 2001 al terzo trimestre del 2008 è stata, inoltre, ottenuta una stima del valore di mercato sfruttando la continuità della serie dei valori nozionali presenti nelle segnalazioni di vigilanza. L’analisi dell’andamento dei derivati bancari nei principali paesi mostra come il loro valore sia significativamente diminuito a seguito della crisi finanziaria. Alla fine del 2015 l’ammontare dei derivati all’attivo delle istituzioni finanziarie monetarie in rapporto al totale delle attività finanziarie risultava in Italia pari al 4 per cento, valore nettamente inferiore a quello di Regno Unito, Germania e Francia.

Parole chiave


derivati; conti finanziari; banche

Full Text

PDF

Riferimenti bibliografici


Alvaro S. e G. Siciliano (2016) Crisi sistemiche e regolamentazione finanziaria, Quaderni giuridici, Consob

Bodnar G. M., Consolandi C., Gabbi G., Jaiswal-Dale A. (2008), A survery on risk management and usage of derivatives by non-financial Italian firms, Working Paper, Università Bocconi.

Darby M. (1994), Over-the-counter derivatives and systemic risk to the global financial system, NBER Working Paper, N. 4801.

Das, S., Kalimipalli, M., e Nayak, S. (2014), Did CDS trading improve the market for corporate bonds?, Journal of Financial Economics.

Duffie, D. e Zhu, H. (2011), Does a central clearing counterparty reduce counterparty risk?, Review of Asset Pricing Studies.

Farabullini F., C. Mahlknecht e A. Salvio (2002), L’attività in derivati delle banche italiane, Banca d’Italia, mimeo.

Graziano M. (2012), Le imprese italiane e gli strumenti derivati, Quaderni di Economia e Finanza, Banca d’Italia, N. 139.

Heath M. R. (1998), The statistical measurement of financial derivatives, IMF Working Paper, n. 24.

Hirtle B. (2009), Credit derivatives and bank credit supply, Journal of Financial Intermediation, n. 18.

Hull J. C. (2005), Options, Futures and Other Derivatives, Pearson.

ISDA (2015), The impact of compression on the interest rate derivatives market, Research Note.

KPMG (2012), IFRS Practice issues for banks: fair value measurement of derivatives – the basics, Working Paper.

Lequiller F. e D. Blades (2014), Understanding National Accounts, OECD

Markose S. M. (2012), Systemic risk from global financial derivatives: a network analysis of contagion and its mitigation with super-spreader tax, IMF Working Paper, N. 282.

Minton, B., Stulz, R.M., e Williamson, R.G. (2005) How much do banks use credit derivatives to reduce risk?, NBER Working Paper W11579, Cambridge, MA.

Signorini L. F. (2015), Indagine conoscitiva sugli strumenti finanziari derivati, Camera dei Deputati, Commissione VI Finanze, 15 giugno.

Wright C. (2001), Recording financial derivatives in the UK national accounts and balance of payments, Bank of England unpublished manuscript.




DOI: http://dx.doi.org/10.14276/1971-8357.2036

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.





Argomenti. Rivista di economia, cultura e ricerca sociale è una pubblicazione dell'Università di Urbino realizzata in collaborazione con la CNA delle Marche. Lo sviluppo e la manutenzione di questa installazione di OJS sono forniti da UniURB Open Journals, gestito dal Servizio Sistema Bibliotecario di Ateneo. E-ISSN 1971-8357 (Online). Registrazione presso il Tribunale di Urbino n. 4/2015.

 Licenza Creative CommonsSe non diversamente indicato, i contenuti di questa rivista sono pubblicati sotto licenza Creative Commons Attribuzione 4.0 Internazionale.